Guerrieri, Inzaghi e Farris: “C’è rammarico, ma siamo orgogliosi del nostro percorso”

Fonte: Alessandra Cinelli - lamialazio.altervista.org
Pubblicato: 16 giugno 2015 alle 22:09

Inter vs Lazio - Finale campionato Primavera 2014/2015

Mancò la fortuna, non il coraggio. Stavolta non è andata bene alla Lazio Primavera, che esce sconfitta dopo 16 rigori. Una partita a ritmi altissimi da entrambe le parti, nel primo tempo più Torino, nel secondo tempo più Lazio. I penalty hanno deciso chi il prossimo anno avrà lo scudetto cucito sul petto e purtroppo non saranno i biancocelesti a sfoggiarlo. C’è rammarico in casa Lazio, ma tutti sono consapevoli del grande cammino che oggi hanno portato a termine. Proprio come afferma Guido Guerrieri, nominato miglior giocatore dell’intero torneo con il premio “Piermario Morosini”, ai microfoni di RaiSport e Lazio Style Radio: “C’è amarezza, ma non possiamo che essere orgogliosi di noi. Abbiamo fatto una stagione straordinaria, portando a casa Supercoppa e Coppa Italia, mancava l’ultimo passo, ma va bene così. Siamo una squadra, l’abbiamo dimostrato e questa è la nostra vittoria più importante. Non molliamo mai, proprio come dice il nostro inno. Le parate? Sono state decisive come lo sono state dall’altra parte, Zaccagno è stato bravissimo per tutta la partita. Il calcio è questo, si vince e si perde”. Lo stesso conferma il mister Simone Inzaghi: “Mi dispiace per i miei ragazzi, ma sono orgogliosissimo di aver allenato questo gruppo, che ha fatto delle cose incredibili. Poi si sa, nel calcio uno perde e l’altro vince e a noi è andata male, questo scudetto lo avrebbero meritato i miei ragazzi, ma va bene così”. Di uguale parere è anche il vice Farris, intervenuto a Lazio Style Radio: “L’anno scorso hanno perso loro ai rigori, quest’anno è toccato a noi. Il rammarico è tutto per questi ragazzi, che hanno dato l’anima in campo, non solo oggi ma per tutto l’anno. Abbiamo fatto qualcosa di meraviglioso, peccato che ci è sfumato lo scudetto che poteva essere la ciliegina sulla torta, ma siamo lo stesso orgogliosi di loro. Testa alta e si va avanti”. Sulle tante occasioni non andate per il verso giusto, il mister commenta così: “Credo che la partita sia stata equilibrata in tutto, forse noi all’inizio eravamo troppo contratti, ma dal gol in poi, si sono viste solo grandi giocate. Penso che i tifosi Laziali debbano essere orgogliosi di questo gruppo che non ha mollato mai. Inzaghi? Quando ha parlato negli spogliatoi naturalmente era amareggiato, ma ha espresso solo parole di grande elogio, i ragazzi ce l’hanno messa tutta”. Dalla prima di campionato ad oggi, la Lazio ha fatto una crescita esponenziale, che nessuno si aspettava ed ha lasciato tutti a bocca aperta: “Parlando con Simone, in queste notti insonni, abbiamo riavvolto il nastro dall’intervallo della partita con il Napoli, quando avevamo paura di non avere materiale, fino ad oggi ed il bilancio è stato più che positivo. Due medaglie d’oro e una d’argento, nonostante abbiamo vacillato ogni tanto. Ci siamo impegnati molto ed io penso che abbiamo creato un qualcosa che è già pronto per la prima squadra, come Guerrieri, o Ikonomidis, che l’abbiamo dato alla Nazionale maggiore. Credo che da un settore giovanile non si possa avere di più. Adesso ci sarà un po’ da smaltire, a nessuno piace perdere all’ultimo, ma bisogna valutare il lavoro che c’è stato dietro. Ora ci saranno delle meritate vacanze e poi si ripartirà a testa alta”. Nonostante la sconfitta, tutto il popolo Laziale e gli addetti ai lavori che hanno accompagnato la Lazio Primavera, sono orgogliosi di questi ragazzi. Ora ci sarà chi partirà, chi rimarrà, chi proverà nuove esperienze, ma dovunque ognuno di loro andrà, non sarà mai estate, inverno o autunno. Sarà sempre e solo Primavera. Fieri di voi!

Commenti La Mia Lazio

commenti