Strakosha e Pollace alla Salernitana, Guerrieri terzo portiere della Lazio

Fonte: Valeria Rainaldi - lamialazio.altervista.org
Pubblicato: 9 luglio 2015 alle 15:06

acf37eaaa7d50c44600391e31841713b-84653-1379193723

 

Dopo l’esaltante e vincente stagione conclusasi da poco, la Primavera biancoceleste dovrà fare a meno di alcuni dei veterani della squadra. Il destino del calcio giovanile è questo e in pochi riescono a fare il salto di qualità che equivale al passaggio in prima squadra. Tra quelli c’è Guido Guerrieri. Un campionato eccellente; la porta biancoceleste, con lui, è sempre stata al sicuro. Umiltà, lavoro e impegno lo hanno portato a togliersi molte soddisfazioni, una tra tutte allenarsi con i big della Lazio. Si è conquistato la stima e l’affetto non solo dei tifosi ma anche di mister e società che, gelosamente, si tengono stretto il loro giovane portiere. Pioli lo ha voluto con sé per il ritiro ad Auronzo e, come dichiarato ai microfoni di tuttomercatoweb.com da Michelangelo Minieri, agente dell’estremo difensore, sarà il terzo portiere biancoceleste: “Dopo l’ottima stagione in Primavera la Lazio ha deciso che Guido sarà il terzo portiere della squadra.”  Chi invece ha già lasciato la Capitale sono il Capitano Gianluca Pollace e il compagno di reparto di Guerrieri, Thomas Strakosha. I due giocatori si sono ufficialmente trasferiti alla Salernitana, emozionati e impazienti di iniziare. Il portierino classe ’95, appena arrivato nella città campana, ha dichiarato: “Sono molto felice di essere qui. Imparerò a scoprire la città ma mi piace già moltissimo. Domani (oggi, ndr) firmerò il contratto e già non vedo l’ora di iniziare.” Anche Pollace sta raggiungendo il ritiro della sua nuova squadra, portando con sé un bagaglio ricco di emozione. Questa per lui sarà una prima volta, i professionisti lo aspettano. Intanto ha già lasciato delle dichiarazioni da granata: “Sono contento di essere un giocatore della Salernitana e non vedo l’ora di essere a disposizione del mister e di dimostrare quanto valgo. Arrivo in una grande tifoseria e per questo dovremmo fare bene anche per loro. Sono un terzino destro che può fare entrambe le fasi, ho buona spinta.” Farsi le ossa altrove si dimostra sempre molto costruttivo, speriamo solo di rivederli, presto o tardi. In becco all’aquila campioncini!

Commenti La Mia Lazio

commenti