Tounkara, tra sogni, ambizioni e rivincite: vuole la Lazio.

Tounkara
Nato in Senegal il 19 gennaio del 96, Mamadou e il pallone sono già una cosa sola. Senegalese, ma con passaporto spagnolo, ha trascorso gran parte della sua adolescenza a Blanes, cittadina catalana, insieme alla sua famiglia. Indubbiamente il talento di Tounkara è tanto ed evidente, e a mettergli gli occhi addosso è il Barcellona che lo blinda immediatamente con una clausola rescissoria di 3 milioni di euro. Ma il sogno spagnolo del giovane attaccante sembra destinato a finire. Vittima di due importanti lesioni e protagonista di vari comportamenti indisciplinati, viene cacciato dal Barcellona. Ma Mamadou non può sapere che cosa lo aspetterà. Non può sapere che i colori biancocelesti lo renderanno estremamente felice. Nell’agosto di un estate fa Mama viene acquistato dalla Lazio. Gli osservatori laziali notano subito le grandi doti calcistiche del giovane classe ’96 e non ci pensano due volte ad inserire nel gruppo l’attaccante senegalese. Subito pronto per lui un contratto fino al 2015, e dopo aver firmato con la Lazio tutti non aspettano altro che vederlo all’opera ma questioni burocratiche lo tengono ancora lontano dal rettangolo di gioco. Finalmente il 20 gennaio Mamadou può fare il suo esordio in maglia biancoceleste contro i rosanero del Palermo. Qui comincia l’avventura di Tounkara con la Lazio che ora è una delle colonne portanti della squadra. Undici prestazioni, 3 goal, uno dei quali realizzato in quel di Gubbio nella finale contro l’Atalanta. E’ subito successo per il giovane che insieme ai suoi compagni alza il trofeo. Molte sono state le squadre di fascia inferiore a chiedere di lui, ma la Lazio non lo molla e lui non ha intenzione di mollare la Lazio. A confermarlo fiero è l’agente del calciatore, Marchione: “Tounkara rimane in biancoceleste. Ha un sogno: affermarsi con la Lazio.” L’amore tra la prima Squadra della Capitale e Mama sembra destinato a continuare. D’altronde tra la società e il calciatore è stato amore a prima vista.

Commenti La Mia Lazio

commenti